Logo
Chi sono
Chi sono

About me

Chi sono

Noi dog trainer tendiamo a dividerci in due grandi gruppi…

Al primo appartengono quelli che da bambini giocavano o addirittura gattonavano tra le zampe dei numerosi cani presenti da sempre nella loro famiglia e che, una volta cresciuti, si sono resi conto di essere in grado di comprendere l’erede del lupo tanto quanto san Francesco con il suo predecessore in quel di Gubbio.

Al secondo gruppo appartengono, invece, quelli che in gioventù hanno deciso per i motivi più vari di adottare un cane, ma non un cane qualunque, sia chiaro! Un cane, anzi «il Cane», in grado di cambiare radicalmente la vita del suo «adottante» e convincerlo ad abbandonare tutto e dedicarsi alla cinofilia per il resto dei suoi giorni.

Io, a essere sincero, non ho ancora capito a quale gruppo appartengo.

Leggi il mio CV
per conoscere il mio percorso formativo e le mie esperienze professionali.

Mitia

Quando sono nato, in famiglia c’era già Mitia, un pastore abruzzese che i miei genitori avevano deciso di adottare sei anni prima durante una gita al Sud e di portare con loro a Milano.
Purtroppo Mitia sviluppò una forma di patologia articolare che obbligò i miei genitori alla triste decisione di sopprimerlo. Da allora il mio desiderio di vivere con un altro cane si è scontrato con la paura di provare di nuovo un dolore così grande, e non ci sono stati più cani in casa nostra.
O forse dovrei dire cani «residenti», perché qualche anno dopo, durante una scampagnata domenicale, trovai un piccolo cucciolo nero sotto una macchina abbandonata che mia zia decise di adottare e chiamare Corto Maltese.

Corto Maltese e Blu

Corto fu il primo cane con cui ebbi il privilegio e il piacere di interagire veramente da bambino e se, ancora oggi, non posso fare a meno di apprezzare, in maniera del tutto discutibile, il tipico odore del cane bagnato in macchina, lo devo a lui e ai sedili in vinile della Renault 4 di mia zia.
Quando Corto venne a mancare fu il turno di Blu, una femmina che la zia adottò da un allevatore che l’aveva scartata perché menomata a una zampa, ma che, a dispetto della sua zoppia, seppe conquistare il mondo attraverso un’intelligenza comunicativa davvero rara.
Insomma, in famiglia i cani non sono mai mancati, ma continuavo a pensare che averne uno tutto mio da accudire e con cui divertirmi ogni volta che lo desiderassi sarebbe stata tutta un’altra cosa.
La conferma definitiva arrivò quando, in seguito a un imprevisto, dovetti tenere Blu per diverso tempo occupandomi in tutto e per tutto di lei. Fu un’esperienza incredibile che, nonostante la fatica dovuta ai nuovi ritmi e alla perdita di certe libertà, mi lasciò folgorato.

Il canile

Non interessandomi una razza in particolare e non comprendendo perché si dovesse pagare una cifra spropositata un cucciolo, quando ci sono migliaia di ospiti nei canili in attesa di adozione, decisi di recarmi in diversi rifugi.
Fu così che per la prima volta mi avvicinai seriamente a una realtà che non conoscevo e che, senza saperlo ancora, mi avrebbe influenzato per il resto della vita: il canile.

Kaya

Adottai Kaya dal rifugio presso cui era ospite da cinque mesi, dopo aver trascorso i primi sette della sua vita tra uno sgabuzzino in compagnia del fratello e il cortile di uno sfasciacarrozze a fare la guardia con i suoi genitori, una femmina di cane corso e un grosso cane da pastore. Dopo Mitia ecco un altro mix perfetto per una prima esperienza di convivenza con un cane in un piccolo appartamento di Milano!
Una volta uscita dal canile, dove l’avevo vista giocare amichevolmente con i volontari, Kaya si trasformò completamente: era terrorizzata dal mondo che la circondava. Ogni cosa, anche la più insignificante, era per lei una novità in grado di scuoterla emotivamente al punto da iniziare a tremare e ad ansimare.
Sognavo di andare a correre con Kaya, ma appena accennavo un passo di corsa lei si allontanava spaventata. Sognavo di ricevere feste gioiose al mio rientro, ma per molto tempo mi sono dovuto accontentare di scodinzolate appena accennate e qualche improvvisa arricciatura di labbra. Sognavo di insegnarle esercizi e di giocare con lei, ma appena la liberavo nel parco volava come il vento verso gli altri cani, unico oggetto delle sue attenzioni. Insomma, non che avessi desideri così originali o assurdi, anzi, credo che fosse più o meno ciò che sognano tutti quelli che adottano un cane, eppure le cose non stavano andando come speravo.

img

Cosa sa fare il tuo cane?

Fu proprio in quel periodo che mi abituai a rispondere a un’odiosa domanda che mi veniva posta di tanto in tanto e che nel tempo è diventata un Leitmotiv del mio approccio ai cani: «Cosa sa fare il tuo cane?»
«Il cane, e le viene anche molto bene!»

Da quel momento è iniziata un’avventura che non si è ancora conclusa e che oggi vede al mio fianco i due testoni che vedete vicino a me: Shaka e Sentinella.